Procedimento del cantante americano R. Kelly

Il procedimento nel caso di abuso sessuale di R Kelly è iniziato e molte rivelazioni sono state fatte in breve tempo.

Gran numero di accuse

Crescono le testimonianze dell'accusa contro R. Kelly. Al centro del processo a R. Kelly, che si svolge dalla scorsa settimana in un tribunale di Brooklyn e in cui quest'ultimo affronta un gran numero di accuse, tra cui estorsione, sfruttamento sessuale di minori, sequestro di persona, corruzione e lavoro forzato tra il 1994 e il 2018. Le vittime continuano a testimoniare. Anche il medico di R Kelly ha recentemente testimoniato in tribunale e ha confermato che il rapper soffriva di herpes quasi dal 2007 di cui era a conoscenza. I pubblici ministeri hanno affermato che Kelly ha intenzionalmente diffuso l'infezione a persone con la malattia incurabile a trasmissione sessuale (STD). Il medico del rapper ha parlato in tribunale del trattamento di Kelly per l'herpes genitale, iniziato almeno nel 2007.

Ma anche pedopornografia

Kelly, che è stato anche citato in giudizio per pedopornografia, soffriva di herpes che non ha detto ai suoi partner sessuali, che erano ragazze minorenni. Di conseguenza, il rapper ha anche infranto le leggi sulla salute pubblica in base alle quali una persona sessualmente attiva con malattie veneree infettive è tenuta a notificare o informare i propri partner sessuali della propria malattia e diagnosi.

Tra le vittime, una donna di nome Jerhonda Pace ha raccontato le sue esperienze 12 anni fa, quando aveva solo 16 anni, per un periodo di 6 mesi. Oltre a fare sesso ogni volta che è stata filmata, ha anche parlato delle violenze subite, delle percosse e persino di essere stata strangolata durante i litigi, al punto che è svenuta in più occasioni. Infine, ha anche accusato l'autore della hit I Believe I Can Fly di aver trasmesso - ovviamente senza preavviso - un herpes genitale, di cui non sarebbe mai riuscita a liberarsi.